Crea sito
Tag Archives: malware
Richard Stallman : “I maggiori sistemi informatici sono dei malware!”

“Windows ed OS X sono malware!”, queste le parole del fondatore del progetto GNU Richard Stallman riportate da un articolo del quotidiano britannico “The Guardian”.

George-Orwell-1984-

Ora qui però bisogna chiarire il concetto che il fondatore del movimento GNU ha dei malware, infatti secondo lui i malware sono appunto software che vengono implementati nel sistema per trarre in inganno l’ utente finale, dato che il comportamento di tali software viene spiegato solo nelle righe più nascoste del contratto EULA.

Secondo Richard Stallman infatti Windows utilizzarebbe delle Backdoor per per la censura delle applicazioni e perfino per il controllo della NASA, mentre Apple con spia il suo utente costantemente proprio come il Grande Fratello in 1964 di Orwell, ma chiarisce che perfino Andorid nelle sue applicazioni non libere contiene software in grado di permettere a Google la rimozione remota della APP (“Questo si è già verificato”).

Richard Stallman, presenting at the Faculty of Law at the University of Calgary, on "Copyright vs. Community in the Age of Computer Networks."

Richard Stallman, presenting at the Faculty of Law at the University of Calgary, on “Copyright vs. Community in the Age of Computer Networks.”

Fonti Articolo: The Guardian

Tom’s Hardware

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Perchè non utilizzare MS Office per creare i propri documenti!

office2007logo

In questo articolo vi parlerò del perchè non utilizzare la famosissima souite per l’ ufficio MS Office, la quale è lagamente utilizzata sia da utenti privati che da aziende e uffici statali per la stilatura di documenti ufficiali.

Premetto che questo articolo non ha lo scopo di diffamare il software MS Office, ma semplicemente di mettere in guarda gli utenti da i richi che provengono dai file scritti con questo software, volendo semplicemente mettere al corrente l’ utente dall’ esistenza di software più sicuro, che permette di svolgere le stesse attività che vi offiriva MS Office.

Uno dei problemi principali dei documenti creati con la suite di casa Microst è sicuramente la perdita delle chiavi di codifica con il passare del tempo, infatti non sono pochi i casi di documenti ufficiali, che venendo scritti con una versione obsoleta del software con il passare degli anni sono diventati illeggibili, poichè le versioni nuove non contenevano la chiave di codifica necessaria per permettere la lettura del file.

Un altro inconveniete non meno grave del primo è che i file .DOC e via dicendo, sono portatori di viru, poichè in esso è possibile implementare una piccola stringa di codice “MACRO”, scritta in Visual Basic, che permette l’ esecuzione di operazioni in maniera del tutto automatica sul file.

Terzo è ultimo “problema” deriva dal software MS Access, software largamente utilizzato per la creazione di database. Il problema legato a questo software, è principalmente rivolto verso i programmatori o sviluppatori di pagine Web, poichè esso per ogni versione del programma (2003-2007-2010-2013) utilizza delle stringhe di connessione sempre diverse, e questo spesso rende impossibile implementare un database scritto con una versione aggiornata di Access (in alcuni casi non funzionano neanche i database di access 2007) nella propria pagina web per il semplice motivo che i gestori del server nella quale “alloggia” il nostro sito web non hanno ancora installato sulla macchina un driver che permette la gestione di questo tipo di database, problema che non sussiste ad esempio nei database di Oracle, la quale stringa di connessione non cambia da un bel po’ di anni!.

Detto questo consiglio a chi ha voglia di cambiare, l’ utilizzo del Software Open Source

“Apache Open Office”, il quale offre tutte le stesse funzioni della souite MS Office, senza mandare l’ utente in contro ai problemi sopra elencati.

Spero che questo articolo vi sia risultato utile 😉

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

ChatClicca per chattare!+