Crea sito
Tag Archives: linux
Windows 10 : “Dopo averlo provato, ecco le mie impressioni!”
windows_10_blue-wallpaper-1366x768

Oramai è gia da un paio di settimane, che la Microsoft, ha rilasciato al pubblico la versione finale di Windows 10 RTM, ho voluto aspettare tutto questo tempo, prima di scrivere le mie opinioni, poichè volevo testare bene il sistema prima di esprimermi, infatti premetto che ho provato il sistema Windows 10 PRO X64 su due computer differenti, ma ora non perdiamoci in poesie e vediamo cosa mi ha convinto e cosa mi ha lasciato perplesso di questo nuovo sistema.

Del nuovo sistema di Microsoft, mi è particolarmente piaciuta l’ implementazione completa con i servizi di Windows Live, che erano presenti gia in Windows 8.1, ma in maniera leggermente differente, anche l’ assistente vocale Cortana, mi ha dato buone impressioni, ma lo considero abbastanza inutile su sistemi desktop, mentre è sicuramente più funzionale sugli smartphone.

Altra caratteristica interessante, è l’ abbandono del vecchio Kernel 6.0, rilasciato la prima volta nel 2007 con il sistema diversamente operativo MS Windows Vista, per farl strada al nuovo Kernel 10.0, che sarà condiviso sia dalla versione Desktop che Smartphone di Windows 10, portando anche ad un unificazione dello Store delle applicazioni.

Sicuramente un altro punto a favore è sicuramente il ritorno del menu START, tanto acclamato dagli utenti dopo la rimozione in Windows 8.

desk+startAltro strumento interessante è il “Visualizzazione Attività”, tool che mi ricorda molto “Attività” del ambiente Desktop GNOME 3 su i sistemi Linux-Based. (però lo so per molti di voi è impossibile sono io che ho le visioni).

GNOME 3 (anno 2011):                                                                                           Windows 10 (anno 2015):

window-selection-3.12tasks

 

 

 

Ora analizzando bene le foto, si vede benissimo che è stato preso spunto da GNOME 3, l’ unica differenza che GNOME è sviluppato da ragazzi come noi che non puntano ad una retribuzione economica, mentre lo strumento presente in Windows 10 è sviluppato da una multinazionale che fattura miliardi di dollari ogni anno.

Ma ora le belle parole per Winows 10 sono finite, vediamo quali sono i punti focali che mi hanno lasciato perplesso, che compromettono l’ usabilità del software.

  1. Lo sviluppo del nuovo browser Micrsoft EDGE, è praticamente inutile, poichè Internet Explore 11 è ancora presente e ben ramificato nel sistema, e come se non bastasse, ho aperto EDGE appena completata l’ installazione del sistema e quei due minuti buoni nella quale è stato in esecuzione gli sono bastati per bloccare completamente il sistema, costringendomi ad un reset forzato.
  2. L’ assistente vocale Cortana mantiene il microfono costantemente in background, anche quando non lo utilizziamo.
  3. Dopo aver completato l’ installazione, prima che si avvi il desktop, durante la scelta sulla configurazione del dispositivo, dopo aver apportato le necessarie modifiche il sistema si è riavviato automaticamente, e alla riaccensione, mi ha chiesto di nuovo di configurare le mie impostazione (Mi è successo su entrambi i PC, quindi deduco che sia un BUG del installer del sistema).
  4. Dopo aver configurato il sistema, prima dell’ avvio del desktop, durante l’ installazione delle APP essenziali, in entrambi i PC mi è uscito questo messagio:In merito a questo messaggio, vi assicuro che entrambi i PC hanno delle ottime caratteristiche Hardware.Jpeg
  5. L’ integrazione con Windows Defender è troppo invasiva, è rimane attivo anche quando proviamo a disabilitarlo.

 

 

Detto questo, spero di avervi chiarito le idee sul nuovo sistema operativo di casa Microsoft, ora resta solo a voi scegliere se acquistarlo e contribuire al riempire il portafoglio ad una delle più ricche e potenti multinazionali del intero pianeta, oppure optare su un sistema Linux, che oltre ad essere completamente gratuito, è anche Open Source!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Disponibile Ubuntu 14.04 per il Download

ubuntu-logo2Finalmente è stato rilasciato ufficialmente la nuova versione del sistema operativo GNU/Linux più usato al mondo, che giunge così alla versione 14.04, rilasciata come LTS (Long Time Support), ciò signifia che questa versione avrà un tempo di supporto di ben 5 anni come stabilito anche nelle precedenti versioni dalla comunità di Ubuntu;

Ubuntu

Ricorda che Ubuntu è un sistema operativo OpenSource sponsorizzato da Canonical, ciò significa che sei libero di scaricarlo, modificarlo e redistribuirlo in maniera completamente garatuita (non mi soffermo nei dettagli, non voglio intavolare una guerra d’ ideologie con altri sistemi quali Debian).

Sito della comunità italiana

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
“Sniffare” i pacchetti di rete!!!

cb_ts_sniffing_advanced.033.1.1

Oggi vi presenterò un software dalle potenzialità immense, che permette di effettuare lo sniffing dei pacchetti.

Questa procedura sere principalmente ad un amministratore di rete, per eseguire funzioni di Debug all’ interno della rete stessa, ma come poi potete capire un software del genere nelle mani giuste può fare molto di più di quanto un utente comune può credere.

Il software in questione si chiama WireShark ed è completamente OpenSource, il cui lo rende particolarmente adatto anche ad alcuni sviluppatori volenterosi che vogliano analizzare e magari modificare il codice sorgente di questo software.

1010156969-1

Per poter funzionare WireShark ha bisogno di una libreria di rete chiamata WinPcap, necessaria per potergli permettere di eseguire funzioni di analisi di rete e dei protocolli.

Per ciunque lo voglia provare i link sono qui sotto:

WireShark (questa versione include WinPcap) : Download

WinPcap (libreria di analisi) : Download

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Fotoritocco gratis… Alternative ad Adobe Photoshop!

Adobe_Photoshop_CS5_Extended

E’ cosa risaputa, che molte persone, hanno il desiderio di ritoccare le proprie foto, chi per ragioni estetiche, e chi per semplice divertimento, peccato che il software di fotoritocco professionale cosata all’ incirca 1000€, adesso a meno che non siate dei fotografi professionisti, non credo che qualcuno di voi voglia acquistare questo software per puro divertimento.
Adesso ci sono due vie di uscita, una è quella di craccare il software di casa Adobe, diventanto per la legge dei pirati informatici oppure vi basta scaricare uno dei software elencati qui sotto.
gimp212La prima alternativa valida ad Adobe Photoshop, è sicuramente GIMP, software multi piattaforma ed open source, che da la possibilità di installare dei plugin per aumentare le funzioni al proprio interno.
36111cf78bf3abb8c904fb748574fde2.jpgLa seconda alternativa è quella di scaricare il software Free Paint.NET, che è orientato prevalentemente verso l’ utente principiante, che non cerca funzioni di ritocco professionali, ma che comunque è una valida alternativa gratuita a PhotoShop.
Adesso a voi la scelta:

Gimplogo  paintnet

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Come scaricare giochi, musica, film e software in modo sicuro (IRC)?

msp430_ircl_channel_43oh

Dopo la chiusura di Megaupload per merito della FBI (circa 1 anno fà), molti siti di file hosting come rapidshare e 4shared, hanno provveduto ha cencellare quasi la totalità dei file sui loro server per evitare in incomebre nello stesso destino del sito di proprietà della società “Megaupload-Limited”.
Questo evento ha spinto molte persone a cercare un adeguata alternativa, per scaricare materiale protetto da copiright.
Alcuni di essi hanno trovato consolazione nell’ immenso mondo del P2P, con software del tipo di eMule e uTottent, altri aspettanp con pazienza che il nuovo sito aperto da “Kim Dotcom” Mega.co.nz, che dovrebbe essere il successore di Megaupload, difatti il signor Dotcom, è anche lo stesso creatore di Megapload.
Altri invece, non gradendo la scarsa sicurezza di questi protocolli, hanno trovato rifugio in un protocollo, fino a poco tempo fà sconosciuto per la maggior parte degli utenti.
Esso è il protocollo IRC, che nasce come protocollo che permette la messaggeristica istantania tra utenti distribuiti in varie stanze di svariati Server sparsi per il mondo, nella quale con il passare del tempo sono nati sempre più server (tipo Darksin), che sfruttano le potenzialità di questo protocollo, per mandare dei files a tutti gli utenti che ne facciano richiesta.
Per utilizzare questo protocollo, i software migliori per MS WIndows sono sicuramente mIRC e XDCCMULE (versione automatizzata è implementata da qualche plugin di mIRC) i quali sono a pagamento, mentre per Linux si giocano il posto di reggina il software “Konversation” e “xChat”, l’ unica effettiva differenza tra i due è l’ interfaccia, la quale nel primo è pià simile a mIRC, mentre nel secondo è più leggera e minimale.
Per saperne di più vi consiglio di visualizzare queste mie video guide su come utilizzare questi software.

“mIRC”

“XDCCMULE”

“KONVERSATION”

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
I rischi della rete: come difendersi?

 sicurezza-informatica

Malgrado esistano già numerosi tutorial, su come configurare in modo corretto il proprio PC dai rischi della rete, ho deciso egualmente di scrivere una mia guida sui comportamenti da tenere e i software da utlizzare, per rendere sempre meno probabile un attacco da parte di virus e hacker, aiutandomi anche con esperienze personali.

Premessa : Questa guida ha lo scopo di illustrare una corretta configurazione solo per terminali di tipo Desktop, per i Server posterò un altra guida.

La prima cosa da tenere conto è il sistema operativo utilizzato, personalmente consiglio sistemi basati su architetture GNU/LINUX, ma per i molti utenti che preferiscono utilizzare MS WIndows poco male, poichè gli ultimi prodotto stanno mostrando grande stabilità. Il sistema per eccellenza da evitare è MAC OS X, che nonostante ci siano pochi virus scritti per lui, a differenza di MS WIndows e Linux, contiene un numero sproporzionato di BUG riguardanti l’ accesso remoto nel vostro PC;

Un altra cosa importantissima da sapere sui sistemi operativi, è che bisogna sempre utilizzare una versione aggiornata, o per lo meno non obsoleta come attualmente (UBUNTU 9 per linux e WINDOWS 2000 e prossimamente XP per linux);

Un altra cosa importantissima è il firewall, che su i sistemi operativi MS WINDOWS, garantisce una protezione adeguata all’ utilizzo come postazione desktop, quindi è importantissimo mantenerlo sempre abilitato, aggiungendo alla sual lista delle eccezioni solo i software o le comunicazioni provienienti da fonti sicure.

Per chi ha linux, il problema del firewall in se per se non consiste, pochè anche se un software o un utente riuscirebbe a raggirarlo, esso dovrebbe fare i conti con la gerarchia dei permessi di linux, che rendono quasi il 99% dei files su disco immutabili da chiunque non sia l’ utente ROOT.

Proprio per questo uno dei miei consigli per gli utenti Linux, è quello di utilizzare quasi sempre il comando “sudo”, quando si vuole eseguire un operazione come super utente, evitando di utilizzare “su”, inoltre bisognerebbe evitare di utilizzare in continuazione il comando “chmod” accompagnato spesso (per gli utenti troppo spesso” da 777 (chmod 777), ma utilizzando al suo posto “chmod +r”.

Altro aspetto importantissimo in termini di sicurezza è senza dubbio l’ antivirus (questo vale per gli utenti MS Windows, Linux non ne ha bisogno), la quale io consiglio sempre uno tra (AVAST FREE e AVG) per i gratuiti, mentre (KASPERSKY NORTON) per chi preferisce quelli a pagamento.

Piccoli è ultimissimi accorgimenti sul comportamento, sono:

1. client di posta elettronica con filtro anti-spam;

2. Non aprire link provenienti da social network e altro, del quale non conosciate già il contenuto;

3. Non scaricare da software quali ARES ed eMULE, preferendo via alternative, quali i direct dowload o i meno usati canali IRC;

4. Abitare la visualizzazione delle estenzioni su MS Windows ed evitare file del tipo (nomefile.jpg.exe);

5. Utilizzare un account con privilegi limitati per eseguire software potenzialmente dannoso (grandi portatori di virus sono i KeyGenerator e i Crack);

 

Spero che questa guida vi sia piaciuta, un saluto :-)

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

ChatClicca per chattare!+