Crea sito
Clean Master Android: “Ecco perchè non potenzia il dispositivo!”
clean-master-useless-teaser-01-w628

Clean Master è un app suite per la manutenzione del file system dei dispositivi Android, sviluppata da KS Mobile e distribuita in forma gratuita e priva di banner pubblicitari per tutti i dispositivi Android dalla versione 2.1.

In questo articolo vorrei parlarvi del perché secondo molti questa App è più inutile di quanto voglia farci credere, ma prima di emettere sentenze vediamo ne dettaglio tutte le sue “disfunzioni”.

1. Pulizia dei file inutili:

spazzaturaOgni volta che apriamo una App, in automatico nel sistema verrà generata la cache associata a quel software, essa contiene una raccolta di metadati, che permette il caricamento istantaneo di una parte dei contenuti del applicazione. Il sistema operativo Android è programmato per eliminare automaticamente la cache di un applicazione ogni qual volta essa viene aggiornata o ad intervalli regolari di tempo, quindi eliminare questa memoria è contro producente per quando riguarda la fluidità e velocità effettiva delle APP, quindi a meno che voi non abbiate dei seri problemi di spazio sul vostro dispositivo è abbastanza inutile eliminare questi files, anche perché spesso potrebbe eliminare contenuti che ancora vi interessino.

2. Task Killer e gestione della RAM:

liberar_memoria_ramLa gestione della ram nel sistema Android è molto differente dai classici sistemi desktop, infatti Android una volta avviato tende ad occupare quanta più RAM possibile per migliorare le prestazioni generali del sistema. Inoltre moltissime applicazioni implementano delle “Sentinelle”, che permettono al APP in questione di avviarsi automaticamente in un determinato evento, quindi detto questo, terminare delle APP con il Task Killer di Clean Master è contro producente, poiché rende l’ esecuzione delle APP molto meno scattante, l’ unico vantaggio si potrebbe avere con uno StartUp Manager.

3. Antivirus integrato di dubbia efficienza:

virus_androidClean Master integra anche delle piccolissime funzioni d’ antivirus, che però sono quasi nulle, poiché effettivamente non possiede un database delle firme virali, ma si limita a controllare quali sono i permessi di sistema sfruttati dalle app.

 

Questo articolo non vuole essere una discriminazione verso Clean Master o i suoi sviluppatori, ma una semplice guida illustrativa delle sue caratteristiche più nel dettaglio,

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
ChatClicca per chattare!+

Email
Print